Google compra Motorola: le reazioni degli interessati

Share:
Condividi

Google compra MotorolaGoogle ha comprato Motorola. E arrivano i primi pareri, interessati, sull’ultima stagione di shopping di BigG che ha acquisito l’intera divisione mobile dell’azienda americana per una cifra vicina ai 13 miliardi di dollari. L’intenzione di Google è chiara: potenziare il proprio impegno nel campo del mobile, smartphone e tablet, andando oltre Android.

Uno dei primi a pronunciarsi è stato Stephen Elop. Il CEO di Nokia, infatti, ha affrontato l’argomento nel corso di un seminario a Helsinki e ha affermato che sarebbe molto preoccupato se si trovasse nei panni di uno dei partner “storici” di Google, come Samsung o HTC. Oltre a dirsi convinto della bontà della scelta fatta mesi or sono di dirigersi verso l’alleanza con Microsoft, Elop ha come voluto mettere in guardia dalle possibili conseguenze che l’acquisizione potrebbe avere per sviluppatori, operatori e case produttrici che lavorano con Google.

Secondo Elop, quindi, Google potrebbe decidere di destinare il meglio del proprio sviluppo per Android ai dispositivi “interni”, marchiati Motorola, lasciando gli altri produttori in una posizione di rincalzo. L’idea, ovviamente, non è assolutamente campata in aria ma, almeno ufficialmente, non sembrano pensarla così i responsabili di Samsung, Sony Ericsson, HTC e LG Electronics.

Larry Page, infatti, ha fiutato l’aria e ha giocato d’anticipo. Già il giorno di Ferragosto ha postato su Google+ un breve messaggio in cui sono riportate le reazioni delle aziende interessate dopo l’acquisto fatto da Google: tutti “sembrano” entusiasti dell’accordo che testimonia l’impegno di BigG per difendere  e potenziare Android e l’intero ecosistema mobile. Sarà davvero così?

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>