Svezia, patria di pirati e modello per il futuro

Share:
Condividi

Svezia, patria di pirati e modello per il futuroLa Svezia è risaputo è un covo di pirati. Il team di The Pirate Bay, amata e odiata community per lo scambio di file ha origini proprio qui. Ma anche Spotify ad esempio ha origini qui. Si tratta di una piccola realtà (10 milioni di abitanti) limitata ma molto avanzata che potrebbe rappresentare un piccolo punto di riferimento per il futuro. Naturalmente c’è chi ritiene il Paese un danno per l’economia musicale e cinematografica incredibilmente pericoloso.

La GrammofonLeverantörernas Förening, l’associazione dei discografici svedesi, ha rilasciato alcuni dati per capire la portata del fenomeno p2p nel paese. Nei primi sei mesi del 2012 i servizi in streaming come Spotify hanno superato drasticamente per ricavi qualsiasi altra forma di fruizione musicale digitale. “L’89% del fatturato per la musica sul Web in Svezia arriva dallo streaming. Ai download, compresi quelli da iTunes, rimane un 11% di briciole” – si legge su un articolo pubblicato dal quotidiano La Stampa.

Ad uno scacco perfino ad Apple non siamo abituati.  Quantificando a livello monetario la vendita di musica online ha generato 283 milioni di corone pari a 33 milioni di euro mentre sono 162 milioni di corone (19 milioni di euro) generati dalla vendita di cd. Questo modello in realtà dimostra come non si tratti più solo di un cambio di supporto, ma di un tipo di fruizione diversa. Dalla musica di tanto in tanto, come quella offerta da un cd, ad una musica più pervasiva e più di flusso (Spotify ne è la riprova più azzeccata).

L’Italia si sta aprendo solo ora. Spotify è ancora irraggiungibile, ma sono arrivate alternative come  Play.me e Deezer che nel succo sono simili. I network digitali sono destinati a crescere e a man mano che gli abbonamenti incrementeranno di numero sarà anche possibile “trattare” meglio gli artisti che ad oggi sono costretti ad accontentarsi di proventi minori. Se il futuro è questo, le major quali carte avranno da giocare, in un ambiente che sempre più dimostra di poter fare a meno di loro?

PUOI LEGGERE ANCHE: The Pirate Bay chiuso? Il traffico P2P aumenta

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>